Disegno a matita di Ignazio La Russa di Fratelli d'Italia

Disegno a matita di Ignazio La Russa di Fratelli d'ItaliaIgnazio Benito Maria La Russa (Paternò, 18 luglio 1947) è un politico italiano, ministro della difesa nel governo Berlusconi IV. Di origine catanese (il padre Antonino La Russa, già segretario politico del Partito Nazionale Fascista di Paternò negli anni quaranta, era senatore del Movimento Sociale Italiano), La Russa ha studiato a San Gallo, in un collegio della Svizzera tedesca, per poi laurearsi in Giurisprudenza all'Università di Pavia.

È fratello di Romano La Russa (1952), ex europarlamentare, attualmente assessore alla protezione civile della regione Lombardia e di Vincenzo La Russa (1938), avvocato e politico. Ha tre figli, Geronimo, Lorenzo Cochis e Leonardo Apache. Ha assolto il servizio militare di leva in qualità di ufficiale di complemento. Prima di decidere di dedicarsi esclusivamente all'attività politica, intraprese la professione di avvocato, fu difensore di parte civile nei processi per l'assassinio di Sergio Ramelli a Milano. Nel 1971 è responsabile del Fronte della Gioventù, il movimento giovanile del Movimento Sociale Italiano. La Russa appare anche nel film di Marco Bellocchio Sbatti il mostro in prima pagina (1972), che si apre con alcune riprese reali di un comizio a Milano della Maggioranza silenziosa, un comitato anticomunista a cui aderivano esponenti democristiani, missini, liberali e monarchici. Il 12 aprile 1973, quando era uno dei leader del Fronte della Gioventù di Milano, nella manifestazione organizzata dal Movimento Sociale Italiano contro quella che veniva definita "violenza rossa" furono lanciate due bombe a mano SRCM Mod. 35, una delle quali uccise il poliziotto di 22 anni Antonio Marino. La Russa fu indicato come uno dei responsabili morali dei lanci di bombe. Nel 1985 è eletto consigliere regionale della Lombardia. Eletto deputato per la prima volta nel 1992 per il MSI, è stato confermato per Alleanza Nazionale alla Camera nel 1994, dove è eletto vice presidente della Camera Fu in prima linea nella fondazione del partito Alleanza Nazionale, guidato da Gianfranco Fini, nel 1995. Rieletto ancora nel 1996, nel 2001, nel 2006 e infine nel 2008 per il Popolo della Libertà. È stato capogruppo di AN dal 4 giugno 2001 all'8 ottobre 2003. L'8 maggio 2008 viene nominato ministro della difesa nel governo Berlusconi IV e l'11 maggio 2008 reggente di AN; ha detenuto quest'ultima carica fino all'ingresso di Alleanza Nazionale nel Popolo della Libertà, fatto avvenuto il 29 marzo 2009, venendo poi nominato coordinatore nazionale del PdL assieme a Sandro Bondi e Denis Verdini. All'interno del PdL, il 2 maggio 2009 La Russa ha fondato «La nostra destra», per rivendicare la sua cultura politica di provenienza, e per sostenere come la corrente minoritaria dei cosiddetti finiani non rispecchi più quelle che sono a suo parere le posizioni della destra. Il 17 dicembre 2012 annuncia la sua uscita dal Popolo della libertà e tre giorni dopo fonda con Giorgia Meloni e Guido Crosetto il nuovo partito Fratelli d'Italia con cui è stato ri-eletto alla Camera nel febbraio 2013.

 

 
 
 

This site is dedicated to computer graphics and contains many tutorials major 2D and 3D graphics software and many free resources and paid .

Support my work

If you've found 3d object or graphic element you want to make a simple donation to support our work we would be much obliged to you!



Contact us

Top

We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More Info